Sicilia, si fingono due agenti di polizia e rapinano un autista: scoperto il covo della banda

escavatore

Due uomini, travestiti da  agenti di polizia hanno fermato un autista e fingendo un controllo lo hanno rapinato portandogli via oltre 6 mila euro.

I carabinieri di Giarre, indagando sull’insolita rapina hanno scoperto un covo all’interno del quale c’erano una paletta e un lampeggiante del tipo utilizzati dalle forze dell’ordine, usati proprio per il colpo sul quale stavano investigando, nonché 9 kg di marijuana e autovetture rubate.

L’autotrasportatore aveva denunciato di aver subito una rapina mentre si trovava nella zona industriale di Giarre. Ai carabinieri ha raccontato di essere stato fermato da tre uomini con indosso mascherine chirurgiche a bordo di una Fiat Panda dotata di lampeggiante blu. Fingendo un controllo di polizia, lo hanno rapinato portandogli via oltre 6 mila euro. Il gruppo criminale ha mostrato al camionista anche una paletta e una pistola.

Le indagini 

I carabinieri del comando compagnia di Giarre hanno avviato un articolata attività d’indagine, che li ha condotti alla periferia est della cittadina. Qui, nel garage sotterraneo di un palazzo di via Romagna, i militari dell’Arma hanno recuperato uno zainetto contenente una pistola a salve, un lampeggiante blu e una paletta con la scritta «Polizia municipale Comune di Messina».

Gli accertamenti sono stati estesi anche ai box adiacenti e per aprirne alcuni è stato chiesto l’ausilio dei vigili del fuoco di Riposto. Le perquisizioni a tappeto dei garage hanno così consentito di trovare numerose buste in cellophane contenenti oltre 9 chilogrammi di marijuana. Inoltre, i carabinieri hanno recuperato anche una Renault Captur rubata qualche giorno prima a Giarre, ancora integra, che è stata restituita al legittimo proprietario. In un altro box auto, invece, era presente la carcassa di una Fiat Panda bianca, con tutta probabilità quella utilizzata dai malviventi la sera della rapina per fingersi agenti municipali.

CONTINUA A LEGGERE

La Polizia di Stato sequestra botti illegali a Palermo