Barbara Palombelli su Palazzo Chigi: «Provvedimento da regime, rabbrividisco»

La conduttrice di Italia sera ha a vuto una vibrata reazione quando ha saputo che la piazza antistante Palazzo Chigi è chiusa, e i giornalisti che devono lavorarvi devono chiedere un accredito al commissariato di polizia

Attualmente su Twitter è in tendenza Barbara Palombelli che viene attaccata per delle sue affermazioni fatte durante il programma serale "Stasera Italia" su Rete4. In apertura di trasmissione la padrona di casa ha sollevato un caso, ponendo una domanda a Michel Dessì, il suo inviato a Palazzo Chigi: «È vero che per arrivare lì hai dovuto chiedere un accredito al commissariato di polizia?». «Sì ─ è stata la replica di Dessì ─-, da oggi la piazza antistante palazzo Chigi è chiusa, e per accedere e fare le dirette televisive c’è questa una nuova regola. Siamo qui fissi con un monopiede e non ci possiamo muovere».

LA REAZIONE DELLA PALOMBELLI

La Palombelli è rimasta sbalordita, non concependo il motivo di tali provvedimenti, che non facilitano il lavoro dei giornalisti: «Non solo hai dovuto chiedere l’accredito, ma hai pure un punto fermo?». «Sì - ha risposto nuovamente Dessì - la polizia ci ha confinato qui e non ci possiamo muovere. Sarà così d’ora in avanti». «Sono ordini che mi fanno rabbrividire», ha chiosato la Palombelli.

ATTACCATA NEL WEB

La sua indignazione e le sue sue affermazioni non sono piaciute a una parte di telespettatori, che hanno vivacemente reagito, arrivando anche a chiedere a Mediaset la sostituzione della conduttrice. "Io rabbrividisco a guardare Barbara Palombelli", ha scritto qualcuno. E un altro: "Barbara Palombelli conduce Stasera Italia e Forum, due trasmissione che fanno rabbrividire....". Un altra ha scritto: "Barbara Palombelli dice di rabbrividire perché il governo vieta gli assembramenti davanti a Palazzo Chigi. Ma siamo sicuri che questa donna abbia studiato?". Ci sono ovviamente anche commenti positivi, scritti da  chi è d'accordo con la Palombelli, non avendo gradito, come lei, questa specie di filtro predisposto dall'alto per i giornalisti che devono lavorare nella piazza antistane  Palazzo Chigi. Di fatto è un argomento ancora  destinato a provocare tanta discussione...