I frammenti ossei ritrovati nel bosco di Caronia sono del piccolo Gioele

Gli esami effettuati hanno tolto qualsiasi i dubbio, soprattutto per quanto riguarda i frammenti di una mascella scoperta assieme ad altri frammenti dalla polizia scientifica il 3 settembre

Si aggiungono nuovi tasselli  all’intricato puzzle sulla morte di Gioele Mondello e Viviana Parisi. Quando questo rompicapo sarà completato, probabilmente si potrà chiarire cosa è realmente successo quel 3 agosto, alla fine del viadotto Pizzo Turda. Infatti è arrivato il risultato degli esami eseguiti sui reperti ossei ritrovati lo scorso 3 settembre dalla polizia scientifica, in prossimità del luogo dove furono rinvenuti i primi resti di Gioele.

SONO OSSA DI GIOELE

«Gli ultimi frammenti ossei trovati nei boschi di Caronia sono di Gioele». La conferma è venuta  dall’avvocato Pietro Venuti, legale della famiglia Mondello. «Mi auguro – ha proseguito Venuti – che questi ulteriori resti permettano ai medici legali di fare maggiore chiarezza sulla morte del bambino. Ieri sempre a Caronia la polizia scientifica ha raccolto altri reperti che saranno in seguito analizzati nei laboratori, col luminol, per stabilire se siano tracce ematiche e se appartengano a Gioele».

SPOSTATA LA RICOSTRUZIONE DELL'INCIDENTE

Intanto è stata spostata al prossimo martedì la ricostruzione dell’incidente tra la Opel Corsa di Viviana Parisi e il furgoncino della ditta di manutenzione, avvenuto nell'autostrada A 20 Messina-Palermo. Dovranno effttuarlo gli ingegneri nominati dalla Procura e i consulenti di parte, per verificare la dinamica dell'incidente e valutare l'entità dell'impatto.