Covid-19, Palermo: alunno 13enne ricoverato all'ospedale Cervello insieme al padre

Positivi ma asintomatici anche la sorella e la madre.

La notizia è di quelle che fanno balzare il cuore in gola, proprio per il fatto che l'anno scolastico è appena ripartito tra mille dubbi e poche certezze. Per adesso, in attesa di una cura e un vaccino adeguati comanda lui, il Covid 19. Che ieri sera, ha costretto al ricovero presso l'ospedale Vincenzo Cervello, reparto malattie infettive, uno studente di 13 anni e il padre. Positivi ma asintomatici anche la sorella e la madre.

"ll ragazzo – spiegano dalla azienda ospedaliera Cervello e Villa Sofia – è stato ricoverato insieme al padre per evitare un ulteriore trauma E’ stato deciso per cercare di rendere il ricovero meno pesante”.

IL MARIA ADELAIDE SOTTO PRESSIONE

La scuola Maria Adelaide di Corso Calatafimi sotto tiro del virus. Ieri il secondo caso asintomatico come il primo ma di una classe diversa è risultato positivo al tampone con la preside dell’istituto che aveva deciso di passare alla didattica a distanza inviando una circolare. Diversi alunni sono stati sottoposti a tampone. "Date le difficoltà organizzative - fanno sapere dalla scuola - , legate allo stato di isolamento domiciliare obbligatorio di un cospicuo gruppo di docenti della scuola secondaria di primo grado nell’impossibilità di gestire, anche in modalità mista, le attività didattiche programmate, a partire da domani, per un periodo di due settimane, e comunque per il tempo strettamente necessario, si procederà con l’attivazione della didattica integrata a distanza per tutte le classi della scuola secondaria di I grado. I docenti e gli educatori si collegheranno con gli alunni tramite la piattaforma Google Meet, secondo il calendario delle lezioni che sarà a breve condiviso”.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La denuncia di un insegnante: «Mascherine nelle scuole? Poco più che carta igienica»