Covid-19 Sicilia, Catania respira Palermo no: su 65 casi 37 li fa registrare il capoluogo

Ad essere maggiormente colpita, prima dell'estate fu la provincia etnea. Adesso il virus sembra essersi spostato a ovest del territorio siciliano

Continua in maniera piuttosto costante l'opera di contagio del covid-19 in Sicilia. Ma se ad un prima fase era stata la parte orientale dell'Isola ad essere colpita, con la provincia di Catania in testa, adesso, in questa seconda fase che precede la stagione invernale sono Palermo e Trapani, più a occidente le province maggiormente toccate dal virus. Nelle ultime 24h, 65 i nuovi casi, con una percentuale del 3% rispetto ai tamponi fatti.

I CONTAGI PER PROVINCIA

A Palermo oggi sono 43, anche se 6 sono migranti sbarcati a Lampedusa contro i 9 della provincia etnea. Gli altri casi sono a Trapani (6), Agrigento (4), Siracusa (3). Come anticipato ieri salgono a 292 invece le vittime dopo il decesso di due anziani, già sofferenti per altre patologie, all'ospedale Cervello. Non risulta invece ancora conteggiata l'anziana di 72 anni deceduta a Villa Sofia il cui tampone post mortem ha dato esito positivo.

14 I GUARITI

Ci sono anche 14 guariti, con un totale di attuali positivi che raggiunge quota 1.842. In costante aumento i ricoveri: le persone contagiate che necessitano di cure ospedaliere sono 136, più 16 pazienti in terapia intensiva (-1) rispetto a ieri. Sono 1.690 le persone in isolamento domiciliare.

SICILIA IN TESTA PER TAMPONI 

La Sicilia è tra le regioni dove si fanno più tamponi. Quasi 28 mila in una settimana. Per l'esattezza nella settimana dal 7 al 13 settembre, nell'Isola sono stati effettuati 27.877 tamponi, il numero più elevato dall’inizio dei controlli, pari a 561,1 tamponi ogni 100 mila abitanti.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Palermo, ricoverato al Cervello un neonato di 28 giorni positivo al coronavirus