Brancaccio, 126 chili di pesce privi di tracciabilità sequestrati e donati in beneficenza

I prodotti ittici sono stati interamente devoluti alla Missione San Francesco che da anni offre ai poveri un servizio mensa

Proseguono le attività di controllo dei commercianti della filiera ittica sul territorio, compiute dai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo, in collaborazione con la Capitaneria di Porto.

Tre ambulanti del quartiere Brancaccio sono stati sottoposti ai controlli dei militari. Dopo tutte le verifiche del caso sono state erogate sanzioni amministrative per 4.500 euro, in seguito alla violazione delle norme che regolano la corretta informazione ai consumatori, come previsto dal D. Lgs. 4/2012.

Le forze dell'ordine hanno proceduto anche al sequestro delle attrezzature utilizzate per la vendita dei prodotti ittici. Circa 126 chili di pesce, sprovvisto di etichettatura e di tracciabilità, sono stati donati in beneficenza alla Missione San Francesco, situata in via Cappuccini. L'associazione di volontariato infatti offre ogni giorno numerosi pasti alle persone bisognose tramite il servizio mensa. Prima di essere devoluto, il pesce è stato sottoposto agli scrupolosi esami dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Palermo.


POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Sbarcano al Porto di Palermo con la droga: fermati due passeggeri provenienti da Genova